Comune di Cisterna di Latina

Comune di Cisterna di Latina

Benvenuti nella città dei butteri

  • Il Comune di Cisterna su Facebook
  • Il Comune di Cisterna su Twitter
Visualizzazione normale Testo piĆ¹ grande Visualizzazione ad alto contrasto Visualizzazione alternativa

Comunicati Stampa

Domenica alle 21 al teatro Tres Tabernae la presentazione del cortometraggio 'La terra sopra di noi' sulle grotte Caetani durante la guerra

Domenica 2 maggio, alle ore 21, al Teatro Tres Tabernae di Cisterna di Latina, verrà proiettato il cortometraggio “La terra sopra di noi”, scritto e diretto da Cristian Scardigno, e ambientato ai tempi della seconda guerra mondiale sotto le grotte Caetani a Cisterna di Latina. 

La storia è quella dei 58 giorni vissuti dai cisternesi nelle grotte, durante i bombardamenti incrociati dei tedeschi e degli alleati. Protagoniste della storia, la giovane attrice cisternese, Giada Villanova, diplomata alla scuola di teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone”, e la giovane attrice milanese Anna Godano.

L’opera è stata patrocinata dal Comune di Cisterna di Latina e realizzata grazie all’impegno di Alfredo Cassetti, Assessore al Turismo e allo Spettacolo, con i contributi della Banca Popolare del Lazio e della Technostone s.r.l. di Pierluigi Ianiri, con la partecipazione della Latina Film Commission e dell’Avis comunale di Cisterna.

Le riprese sono state effettuate nello scorso mese di novembre. Le antiche grotte cisternesi hanno ospitato per cinque giorni un viavai di circa 100 persone, tra membri della troupe tecnica, cast principale e comparse. Dopo circa 65 anni sono tornate ad essere vissute, dato che le riprese hanno previsto un tour de force giornaliero di circa 12 ore di lavorazione.

Alla proiezione dell’opera a Cisterna seguirà l’iter distributivo attraverso i festival nazionali e internazionali di cortometraggi.

“E’ stata un’esperienza bellissima e molto intensa - afferma il regista Cristian Scardigno. - Questa vera e propria avventura ha dimostrato che chi tiene realmente alla cultura e alla storia di Cisterna o del territorio pontino, fa di tutto per parteciparvi. E così, comparse provenienti da tutta la provincia, da Latina a Fondi, passando per Sermoneta e Priverno, hanno partecipato in massa a questo evento. E poi i cittadini di Cisterna, dagli anziani desiderosi di far ulteriore luce su quei tristi eventi, ai bambini che rispondono sempre con entusiasmo a questo tipo di manifestazioni. Segno inequivocabile, il gruppo creato su Facebook, che può contare 200 membri e che testimonia attraverso le foto il clima che si respirava sul set. La partecipazione della gente è stata lodevole, nonostante la quasi assenza di budget e il carattere di volontariato che ha avuto tutto il progetto. Un’opera di assoluta importanza per la storia della mia città, anche se il messaggio che ne esce fuori, in fondo, è universale. Una piccola storia di provincia a simboleggiare centinaia di storie simili accadute in tutta Italia”.

Cisterna di Latina, 30 aprile 2010